News

Diritto d’abitazione anche al coniuge superstite che non è erede

agosto 10, 2020 Matrimonio 0 Comment

Il Tribunale di Palermo riconosce il diritto d’abitazione al coniuge superstite che si acquisisce ex lege all’apertura della successione sia necessaria che legittima

Il diritto di abitazione riconosciuto al coniuge superstite sulla casa coniugale si acquisisce automaticamente all’apertura della successione, dunque in pendenza della chiamata all’eredità. Pertanto, tale diritto non è subordinato alla qualità di erede, con la conseguenza che anche il coniuge superstite, mero chiamato all’eredità, che ancora non abbia deciso se accettare o rinunciare all’eredità, vanta il diritto di abitazione ed uso ai sensi dell’art. 540 del codice civile.

Inoltre, tale diritto spetta al coniuge superstite non solo nei casi di successione necessaria, ma anche ove si apra una successione legittima, in aggiunta alla quota attribuita dagli articoli 581 e 582 c.c., nel rispetto della volontà del legislatore di dare tutela, sul piano patrimoniale e sul piano etico e sentimentale, al coniuge superstite, evitandogli i danni che la ricerca di un nuovo alloggio cagionerebbe alla stabilità delle abitudini di vita della persona.

Lo ha rammentato il Tribunale di Palermo, seconda sezione civile, nella sentenza n. 2315/2020.

Right of residence also for surviving spouses who are not heirs

The Court of Palermo recognizes the right of residence to the surviving spouse who is acquired ex lege at the opening of the succession both necessary and legitimate

The right of residence granted to the surviving spouse in the matrimonial home is automatically acquired when the succession is opened, i.e. pending the call to inheritance. Therefore, this right is not subject to the status of heir, with the result that even the surviving spouse, who is merely called to the estate and has not yet decided whether to accept or waive the inheritance, has a right of residence and use in accordance with Art. 540 of the Civil Code.

In addition, this right belongs to the surviving spouse not only in cases of necessary succession, but also when a legitimate succession is opened, in addition to the share attributed by articles 581 and 582 of the Italian Civil Code, in compliance with the legislator’s will to give protection, on the patrimonial, ethical and sentimental level, to the surviving spouse, avoiding the damages that the search for a new accommodation would cause to the stability of the person’s life habits.

This was recalled by the Court of Palermo, second civil section, in sentence no. 2315/2020.

About admin

Leave a Comment

About Us

Studio Legale Avvocato Liana Doro
Via Trieste, 23 35121 Padova - Telefono: +39 340 9893796 – Fax: +39 049 8750274
www.avvocatolianadoro.it