• Family Law

    Separations, divorces, loans, awards, adoptions, disavowal of paternity, parental rights, protection and guardianship, administration support.

  • Child Abduction

    International Child Abduction and Kidnapping Legal, or simply Child Abduction, is the kidnapping of a minor or the improper transfer of the said child​​.

Per richiedere informazioni chiamare al n. +39 3409893796 o scriveteci a info@avvocatolianadoro.it

Chi sono

Sono avvocato civilista e conduco il mio studio da quindici anni. Mi sono laureata in giurisprudenza nel 1993 all’Università “Alma Mater Studiorum” di Bologna e sono iscritta all’Ordine degli Avvocati di Padova. Sono, inoltre, giornalista-pubblicista dal 1994. Ho scelto di coltivare la mia passione specializzandomi nel diritto di famiglia. Per questo ho seguito numerosi corsi di formazione e approfondimento su questo tema. Sono iscritta all’Associazione Italiana degli Avvocati per la Famiglia e per i Minori, AIAF, con la quale coopero attivamente. Il Tribunale dei Minori di Venezia mi ha affidato alcuni incarichi come curatore speciale e tutore dei minori, nonché come avvocato d’ufficio dei genitori. Nell’ambito della mia specializzazione, ho scelto di dedicarmi allo studio e all’applicazione del diritto internazionale minorile (sottrazione internazionale di minori, adozioni internazionali) e all’assistenza nelle separazioni e nei divorzi tra stranieri. Da vari anni mi occupo direttamente di problematiche familiari complesse in Paesi “difficili” come Russia, Etiopia e Camerun. Sono iscritta al network internazionale di avvocati denominato “Reunite International” sono uno degli avvocati segnalati dall’Autorità Centrale di Roma per i casi di sottrazione di minori.

Domiciliazioni

Lo studio offre il servizio di domiciliazione ai Colleghi operanti in altri Fori mettendo a disposizione la propria professionalità per offrire un servizio preciso ed affidabile, avvalendosi anche di strumenti informatici (email, PEC, scanner per la digitalizzazione degli atti e dei documenti). Per una migliore assistenza e possibilità di contatto, lo studio effettua video conferenze tramite skype e messaggistica istantanea.

Diritto di famiglia

Separazioni personali, divorzi, affidamenti, riconoscimenti, adozioni, disconoscimento di paternità, potestà genitoriale, tutela e curatela, amministrazione di sostegno, interdizione, inabilitazione, cambiamento nome/cognome, consulenze concernenti tutte le problematiche della famiglia e dei reati contro la famiglia.

  • Codice Rosso: aggravamenti di pena e nuove normative
    Il ''Codice Rosso'' (legge n. 69/2019) è una normativa pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale il 25 luglio che sarà in vigore dal 9 agosto 2019. Tale legge apporta significativi aggravamenti di pena per alcuni reati già contemplati dal codice penalee ne introduce di nuovi. - Per i colpevoli di violenza sessuale (art. 609-bis c.p.), il Codice Rosso prevede un aumento della pena: la reclusione sarà ''da sei a dodici anni'' anziché ''da cinque a dieci anni''. In caso di aggravanti, previsti dall'art. 609-bis c.p., la pena sarà aumentata di un terzo. Nel caso di violenza sessuale di gruppo, invece, i colpevoli rischiano la reclusione da otto a quattordici anni, anziché da sei a dodici. -...
    Leggi Tutto →
  • Gli scritti di Deborah nei quali racconta il suo stalker
    Deborah Ballesio, a seguito di diversi atti di stalking, aveva paura dell'ex marito Domenico Massari. Di quella conclusione tragica che le costò la vita ne aveva preso nota in 150 pagine di scritti custoditi dall'amico Edoardo Raspelli. - In questi scritti, la donna racconta delle aggressioni verbali, e successivamente fisiche, subite da parte del marito: - ''ho nervi a pezzi: i comportamenti di mio marito iniziano ad inquietarmi sul serio, comincio a farmi qualche domanda, la mattina mi sveglio sperando che lui sia di buon umore, che non abbia voglia di attaccarmi con continue accuse'' - L'escalation della violenza del marito portò Deborah a chiedere la separazione, alla quale fecero...
    Leggi Tutto →
  • Padova, Giudice decide di affidare un minore al padre violento
    Il Magistrato incaricato di dover decidere riguardo l'affidamento del minore, ha ritenuto idoneo all'affidamento di questo il padre, non considerando una sua condanna confermata in secondo grado per violenza e lesioni nei confronti della moglie e per violenza assistita nei confronti del figlio. Nello stabilire a chi dovesse essere affidato il minore, il Magistrato ha ritenuto irrilevanti questi precedenti penali e avrebbe invece tenuto conto, al fine di valutare le capacità genitoriali, la perizia nei confronti della madre, dalla quale è emersa una 'personalità borderline'. - A tal proposito è insorto il Centro Antiviolenza di Padova, sostenendo che alla donna non sia stato effettuato...
    Leggi Tutto →
  • L'ascolto del minore
    L'audizione dei minori, previsto dall'articolo 336-bis c.c., è fondamentale nelle procedure giudiziarie che riguardano il loro affidamento ai genitori, salvo che l'ascolto possa essere in contrasto con gli interessi superiori del minore stesso. - Il minore nel procedimento giudiziale è portatore di interessi diversi da quelli dei genitori ed è qualificabile come parte in senso sostanziale. - Il giudice può sentire direttamente il minore infradodicenne oppure farsi assistere da un conculente o dal personale dei servizi sociali. - Le dichiarazioni del minore, anche se elemento di primaria importanza nella valutazione del suo interesse, non vincolano il giudice nell'adozione dei...
    Leggi Tutto →
  • Pagare il mutuo della casa coniugale non equivale a corrispondere l'assegno di mantenimento
    La Cassazione con sentenza n. 16138/2019 ha stabilito che l'accollo del mutuo della casa coniugale non equivale a corrispondere l'assegno di mantenimento. Pertanto, il mancato pagamento dell'assegno di mantenimento si configura come reato ( art. 570 bis c.p. " violazione degli obblighi di assistenza familiare in caso di separazione o scioglimento del matrimonio"). - La Corte ha ritenuto infondate le doglianze dell'imputato relative al pagamento delmutuo, precisando come "l'accollo di queste spese non può considerarsi come pagamento del mantenimento in via alternativa." L'illecito penale quindi non viene meno. - Ha, inoltre, precisato che "incombe sull'interessato l'onere di allegare gli...
    Leggi Tutto →

Contact us

For more info write us at info@avvocatolianadoro.it

About Us

Studio Legale Avvocato Liana Doro
Via Trieste, 23 35121 Padova - Telefono: +39 340 9893796 – Fax: +39 049 8750274
www.avvocatolianadoro.it