News

Chi non versa il mantenimento perde la custodia del figlio

Come si può agire in questi casi per tutelarsi? Cosa succede quando un genitore non versa l’assegno di mantenimento per il figlio? Secondo la giurisprudenza è possibile revocare l’affidamento condiviso a seguito di gravi inadempienze degli obblighi genitoriali. Rientra tra le inadempienze agli obblighi genitoriali :L’inadempimento all’obbligo di versamento dell’assegno di mantenimento. Il perdurante inadempimento del genitore non

Il diritto all’assegno separativo non può prescindere dalle offerte di lavoro concretamente ricevute dal coniuge richiedente

20 giugno 2021 | separazione e divorzio | mantenimento del coniuge Con un’interessante pronuncia, la n. 5932 del 4 marzo 2021, la Cassazione ha stabilito che non spetta alcun assegno di mantenimento alla moglie che ha rifiutato dei lavori ritenuti “umili”, in quanto non adeguati al titolo di studio conseguito e distanti dalle sue aspirazioni

Sottrazione di minore: sì al divieto d’espatrio con decreto d’urgenza inaudita altera parte

Il genitore può impedire il trasferimento all’estero in via cautelare nel ricorso per l’affidamento del figlio (Trib. Como, decreto 15 settembre 2020) _________________________________________________ È concedibile un divieto di espatrio del minore, nel ricorso per l’affidamento del figlio nato fuori dal matrimonio, con decreto inaudita altera parte, onde prevenire la sottrazione internazionale di minori. Con decreto

Le sezioni unite estendono al convivente more uxorio l’esimente dell’art. 384 comma 1 c.p.

Diritto penale e penale minorile | Famiglia di fatto | Le Sezioni Unite della Corte di cassazione si sono pronunciate positivamente, con sentenza n. 10381 del 17 marzo 2021, sull’applicabilità dell’art. 384 comma 1 c.p., ossia della disposizione che prevede la non punibilità, rispetto ad alcuni delitti contro l’amministrazione della giustizia, di coloro che abbiano posto

Maltrattamenti in famiglia anche quando sono rivolti contro l’amante?

Con una interessante la pronuncia, la n. 4424/2021 (10.12.2020 – 4.2.2021), la Cassazione penale ha riconosciuto la responsabilità per maltrattamenti in famiglia (rectius, contro familiari e conviventi) di un uomo nei confronti dell’amante da cui aveva avuto un figlio. L’art. 572 del codice penale punisce le condotte, reiterate nel tempo, che siano volontariamente lesive dell’integrità

Quando i genitori non sono d’accordo su scelte importanti, come la scuola per il proprio figlio, possono ricorrere al Giudice.

DECRETO TRIBUNALE DI VERONA -prima sez.civile – 2021 In questa vicenda riportata dal @corriere del 19 maggio, c’era un disaccordo fra i genitori separati, nella scelta della scuola media. Il padre preferiva una scuola privata che avrebbe, secondo lui dato maggiori opportunità al figlio, la madre preferiva quella pubblica vicino all’abitazione di residenza.  Il bambino,

Se si amplia il diritto di visita e frequentazione dei figli da parte del padre si riduce il contributo al loro mantenimento

La Corte di Cassazione, con l’ordinanza n. 3203 emessa il 15.12.2020, ha affermato il principio per cui l’ampliamento del diritto di visita delle figlie minori a favore del padre e il conseguente obbligo di mantenimento diretto durante la permanenza delle stesse presso di lui, giustifica la riduzione del mantenimento dovuto alla madre per le spese

L’assegno divorzile può essere richiesto per la prima volta nel giudizio per la modifica delle condizioni di divorzio

Mantenimento del coniuge IL CASO. Con ricorso ex art. 9 L. n. 898 del 1970 per la modifica delle condizioni di divorzio, l’ex moglie chiedeva al Tribunale di Bari l’attribuzione dell’assegno divorzile, precedentemente non richiesto (e dopo non aver richiesto un assegno nemmeno in sede di separazione), nonché l’aumento del contributo paterno al mantenimento dei

Figlia di due madri: sì al riconoscimento

Per il Tribunale di Roma l’ufficiale del comune di nascita deve eseguire l’annotazione limitandosi a registrare l’atto con cui si riconosce alla seconda madre la genitorialità senza alcuna discrezionalità L’ufficiale di stato civile (sindaco o suo delegato) che riceve una richiesta di annotazione da parte di un altro ufficiale dello stato civile, il quale prima

Il divorzio“cinese”in Italia. Come accedere all’istituto dello scioglimento del matrimonio civile mediante applicazione della legge sostanziale cinese.

Si premette che la legge sostanziale della Repubblica Popolare Cinese in materia di divorzio è applicabile dal Giudice italiano in quanto non contraria all’ordine pubblico. Si veda, al riguardo, quanto affermato dalla Cass. Civ. Sez. I, 25/07/2006 n. 16978 e Cass. Civ. Sez. I, 21/05/2018 n. 12473 Il codice civile della Repubblica Popolare Cinese è

Sì all’affidamento super esclusivo al padre se la madre è incapace di svolgere la funzione educativa.

Affidamento dei figli | Responsabilità genitoriale, decadenza e affievolimento La Corte di Cassazione, con l’ordinanza n. 29999 del 31 dicembre 2020, affronta il delicato tema dell’affido super esclusivo dei figli ad un solo genitore, nel caso di specie il padre, a fronte della accertata incapacità della madre di comprendere i loro bisogni e di svolgere, nel

Maternità Surrogata Sent. n. 33/2021 -Corte Costituzionale. Surrogacy

https://www.linkedin.com/in/liana-doro/ Liana Doro Avvocato cassazionista specializzata in diritto di famiglia e diritto minorile internazionale. Esperta di procedure e convenzioni internazionali in caso di conflitto anche fra genitori di nazionalità diversa.1m • 1 mese f Sono ad aggiornare sullo  sviluppo del caso sul diritto di maternità surrogata  presentato, in occasione della Festa della Donna #8marzo con un

La Corte di Cassazione ribadisce importanti principi in merito alla dichiarazione giudiziale di paternità o maternità e ai diritti e doveri che ne derivano

La Corte di Cassazione ribadisce importanti principi in merito alla dichiarazione giudiziale di paternità o maternità e ai diritti e doveri che ne derivano Accertamento, riconoscimento e disconoscimento | Filiazione e adozione | Responsabilità genitoriale e rapporti tra genitori figli La Corte di Cassazione, con ordinanza n. 28330/2020, ha chiarito e ribadito importanti principi in

Sottrazione internazionale di minori: quando è lecito negare il rimpatrio?

Con la recente ordinanza n.4222/2021, la Cassazione civile ha stabilito che in caso di sottrazione internazionale di minore, il fondato rischio che il minore sia sottoposto a pericoli fisici o psichici o comunque venga a trovarsi   in una situazione intollerabile ex art.13 lett.b) Convenzione dell’Aja del 25.10.1980, costituiscono condizioni ostative al rimpatrio del minore.

I figli vengono, vengono affidati al Comune, quando i genitori sono molto litigiosi

Con sentenza dell’11 febbraio 2021, n. 1145, il Tribunale di Milano, nel dichiarare la separazione giudiziale tra i coniugi, ha disposto il collocamento paritario delle figlie presso entrambi i genitori ed il contestuale affidamento al Comune, incaricato di assumere le decisioni di maggior interesse relative alla loro istruzione, educazione, salute e residenza. I giudici del

Unione Europea La violenza economica viene elencate tra le forme di violenza nei confronti delle donne, all’art.3 della Convenzione di Istanbul, Convenzione che il Consiglio Europeo ha approvato nel 2011 per combattere la violenza di genere, primo strumento internazionale giuridicamente vincolante sul tema[1]. L’art. 3 definisce la violenza nei confronti delle donne come “una violazione dei diritti umani e una

Negato alla persona che desidera allontanarsi dall’abitazione per sottoporsi ad un intervento di interruzione volontaria della gravidanza Pubblicato il 06/03/21 00:00 [Doc.8752] di Redazione IL CASO.it

Commette l’illecito disciplinare di cui all’art. 2, comma 1, lett. a), del d.lgs. 23 febbraio 2006, n. 109 il magistrato di sorveglianza che – adottando un immotivato provvedimento di diniego dell’autorizzazione ad allontanarsi dall’abitazione per sottoporsi ad un intervento di interruzione volontaria della gravidanza – abbia omesso il dovuto rispetto alla dignità della richiedente riguardo

Inadempimento dell’obbligo vaccinale ed esonero giustificato per minori fragili: gli oneri in capo all’Amministrazione sanitaria 08 FEBBRAIO 2021 LA DECISIONE. Il TAR Puglia, con sentenza n.39 depositata il 7.1.2021 | Salute | Soggetti deboli, minori e diritti della personalità

IL CASO. I genitori di un minore affetto da sindrome autistica e da altre patologie proponevano ricorso avanti il TAR Puglia avverso il silenzio-inadempimento dell’Amministrazione sanitaria riguardo alla loro richiesta di aggiornamento dell’anagrafe regionale vaccinale onde consentire la frequenza scolastica del figlio. I ricorrenti deducevano la violazione dell’art. 97 Cost. e dei principi di buon

Mantenimento del figlio maggiorenne non economicamente autosufficiente- Legittimazione “iure proprio” del genitore – Contributo – Allontanamento del figlio per motivi di studio – Sussistenza- Condizioni.

Cass. Civ., Sez. 1 – , Sentenza n. 29977 del 31/12/2020 In materia di separazione dei coniugi, la legittimazione “iure proprio” del genitore a richiedere l’aumento dell’assegno di mantenimento del figlio maggiorenne non ancora autosufficiente economicamente, che non abbia formulato autonoma richiesta giudiziale, sussiste quand’anche costui si allontani per motivi di studio dalla casa genitoriale,

Diritto degli ascendenti – persone legate agli stessi da un rapporto di coniugio o di convivenza – esclusivo interesse del minore.

Art. 8 della CEDU, dall’art. 24, comma 2, della Carta di Nizza e dagli artt. 2 e 30 Costituzione . Il diritto degli ascendenti, di instaurare e mantenere rapporti significativi con i nipoti minorenni, previsto dall’art. 317-bis c.c., è azionabile in giudizio. Corrisponde il diritto del minore di crescere in famiglia e di mantenere dei

Pensione di reversibilità e rinuncia stragiudiziale all’assegno divorzile

Non sussiste il diritto alla pensione di reversibilità da parte dell’ex coniuge che abbia rinunciato stragiudizialmente all’assegno divorzile, dovendo ritenersi valida la rinuncia all’assegno contenuta in un atto transattivo stipulato successivamente alla sentenza di divorzio, non essendo a tal fine necessario l’intervento giurisdizionale, con la precisazione che successivamente alla rinuncia l’assegno divorzile non può essere

Il bullismo è violenza privata se mette in soggezione la vittima

Con la sentenza n. 163/2020  la Cassazione, nel respingere il primo motivo di ricorso sollevato dal difensore di un minore, imputato per lesioni e violenza privata ai danni di un coetaneo, chiarisce che quest’ultimo reato si configura ogniqualvolta la condotta del soggetto agente risulta oggettivamente coercitiva della volontà della vittima.Il Tribunale riconosce un minore colpevole di violenza privata e lesioni

Decadenza genitoriale

La Corte di Cassazione con l’ordinanza n. 28723/2020 accoglie i motivi principali del ricorso di un padre, ribadendo l’importanza della tutela del diritto dei minori alla bigenitorialità, richiamando anche alcune importanti pronunce della Cedu in materia. Pronuncia con cui gli Ermellini ribaltano la decisione della Corte d’Appello, che aveva rigettato il reclamo di un padre nei confronti

Cassazione civile, I Sezione, ordinanza n. 28723/2020 del 16.12.2020 Tutela effettiva del diritto alla bigenitorialità del minore – art. 8

La Corte d’Appello di Firenze, a seguito di una consulenza tecnica d’ufficio disposta al fine di valutare la capacità genitoriale della madre e la possibilità di ripresa dei rapporti del padre con il figlio, ha ritenuto l’adeguatezza della capacità genitoriale della madre e ha affermato che non era necessario disporre l’affidamento del minore ai S.S.

Successione testamentaria. Nel caso preso in esame il convivente reclama il diritto di eredità del 50% dell’immobile .

L’erede, sorella della defunta, agisce in giudizio per far dichiarare lo scioglimento della comunione ereditaria in seguito all’apertura della successione testamentaria, nei confronti del convivente della testatrice, anch’esso istituito erede. L’uomo, convivente, eccepiva l’esistenza di un testamento integrativo e successivo rispetto al primo, nel quale la compagna defunta aveva dichiarato che l’immobile, di cui aveva

Marito tradito: scatta il risarcimento?

Corte di Cassazione nell’ordinanza n. 26383/2020 , al coniuge tradito può essere riconosciuto il risarcimento del danno non patrimoniale subito in conseguenza della separazione cagionata dalla violazione degli obblighi di fedeltà, anche se non viene addebitata al coniuge traditore. Occorre però che l’afflizione del coniuge tradito sia tale da far ritenere che la condotta dell’altro abbia violato

Find a lawyer

Contatta lo Studio Legale Doro
Hai bisogno? Telefona ora al 340 9893796 oppure compila questo modulo, ti contatteremo il prima possibile.